TraduzioniCategoria: GrecoAristotele – Il saggio e la felicitá
Francesca Sirignano ha chiesto 2 anni fa

Salve questa é la mia richiesta di aiuto:

Δεησει δε και της εκτος ευημεριας ανθρωπω οντι· ου γαρ αυταρκης η φυσις προς το θεωρειν, αλλα δει και το σωμα υγιαινειν και τροφην και την λοιπην θεραπειαν υπαρχειν. Ου μην οιητεον γε πολλων και μεγαλων δεησεσθαι τον ευδαιμονησοντα, ει μη ενδεχεται ανευ των εκτος αγαθων μακαριον ειναι· ου γαρ εν τη υπερβολη το αυταρκες ουδ’ η πραξις, δυνατον δε και μη αρχοντα γης και θαλαττης πραττειν τα καλα· και γαρ απο μετριων δυναιτ’ αν τις πραττειν κατα την αρετην (τουτο δ’ εστιν ιδειν εναργως· οι γαρ ιδιωται των δυναστων ουχ ηττον δοκουσι τα επιεικη πραττειν, αλλα και μαλλον)· ικανον δε τοσαυθ’ υπαρχειν εσται γαρ ο βιος ευδαιμων του κατα την αρετην ενεργουντος.

É di Aristotele, Il saggio e la felicitá

Aristotele – Il saggio e la felicitá
1 Risposte
Saverio Ferrara ha risposto 2 anni fa

Uno che è uomo avrà bisogno anche della prosperità esteriore: la natura umana, infatti, non è di per sé sufficiente per il contemplare, ma bisogna anche che il corpo sia in salute e che ci siano cibo e la restante cura. Certo non bisogna pensare che colui che sarà felice avraà bisogno di molte e grandi cose, se non è possibile essere beati senza i beni esteriori: non sono nell’eccesso, infatti, l’autosufficienza e l’azione, ma è possibile compiere belle azioni anche non avendo il comando di terra e mare: infatti anche con mezzi misurati uno potrebbe agire secondo virtù (è possibile vedere questo chiaramente: infatti i privati si ammette, non sembrano compiere azioni virtuose meno dei potenti, ma anche di più); è sufficiente infatti questo: sarà felice la vita di colui che agisce secondo la virtù.

Risposta perAristotele – Il saggio e la felicitá