TraduzioniCategoria: LatinoFabellae Latinae, Magister numeros dictat
Beatrice ha chiesto 1 anno fa

Magister Diodorus, postquam discipulos numeros breviter scribere docuit, sex numeros iis dictat: ‘quattuor’, ‘novem’, ‘quattuordecim’, undeviginti’, ‘quadringenta’, ‘nongenta’. Cur magister ‘quadringenta’ et ‘nongenta’ dicit, non ‘quadringenti et nongenti? Numeri qui in -genta desinunt sunt neutrum pluralis.

Quisque discipulus suo modo numeros scribit. Sextus sic scribit: IV, IX, XI, XIX, CD, CM; Titus sic: IV, IX, XIV, XIX, XL, XC; Marcus sic: IIII, VIIII, XIIII, XVIIII, CCCC, DCCCC.

Diodorus, postquam numeros dictavit et discipuli eos scripserunt, tabulam cuiusque discipuli in manus sumit et spectat id quod scriptum est. Nemo discipulus omnes numeros recte scripsit, at magister Sextum et Titum quattuor numeros recte scripsisse videt. “Vos” inquit “quattuor numeros recte scripsistis, Sexte et Tite.”

Sextus: “Scripsimus ita ut nos numeros scribere docuisti.”

Diodorus: “Nec vero te CD et CM scribere docui, Sexte, nam C raro ponitur ante D et M, ‘quadringenta’ et ‘nongenta’ rectius scribuntur CCCC et DCCCC.”

Marcus: “Ego ita scripsi!” Marcus dicit ‘se ita scripsisse.’

Magister: “Tu recte C quater scripsisti in iis numeris, sed etiam I quater scripsisti in numeris ‘quattuor’, ‘novem’, ‘quattuordecim’, ‘undeviginti’: IIII, Villi, XIIII, XVIIII. Id te non docui! Scio antiquos Romanos toties I scripsisse, sed hodie littera I ponitur ante V et X: ‘quattuor’ scribitur IV, ‘novem’ IX, ‘quattuordecim’ XIV, ‘undeviginti’ XIX – hi numeri recte scripti sunt a Sexto et Tito.” Magister dicit ‘hos numeros a Sexto et Tito recte scriptos esse’.

Tum magister se vertit ad Titum, qui XL et XC scripsit, et “Sed cur tu” inquit “XL et XC scripsisti? Eae litterae significant ‘quadraginta et ‘nonaginta, non ‘quadringenta’ et ‘nongenta’, ut ego vobis dictavi.”

Titus: “Ego te ‘quadraginta et ‘nonaginta dicere audivi.”

Magister: “Male audivisti! Tune malas aures habes? Profecto ‘quadringenta’ et ‘nongenta’ dixi. Nonne vos me ita dicere audivistis, Marce et Sexte?”

Sextus: “Certe nos ita te dicere audivimus. Scripsimus eos numeros quos nobis dictavisti.” Sextus et Marcus magistrum numeros ‘quadringenta’ et ‘nongenta’ dictantem bene audiverunt, Titus male audivit.

Marcus: “Sed ego unus ex tribus discipulis eos numeros recte scrips!! Cur me non laudavisti, magister?”

Magister: “Te non laudavi, quia alios quattuor numeros prave scripsisti.”

Marcus: “Ego scripsi ut antiqui Romani scribebant. Num tu antiquos Romanos prave scripsisse putas?”

Fabellae Latinae, Magister numeros dictat
1 Risposte
Rina ha risposto 9 mesi fa

Il maestro detta i numeri
Il maestro Diodoro, dopo che insegnò brevemente a scrivere i numeri ai discepoli, dettò a loro sei numeri: quattro, nove, quattordici, diciannove, quattrocento, novecento. Perché il maestro dice “quadringenta” e “nongenta”, non “quadringenti” e “nongenti”? I numeri che finiscono in -genta sono neutri al plurale.
Ogni discepolo scrive a suo modo i numeri. Sesto scrive così: IV, IX, XIV, XIX, CD, CM; Tito così: IV, IX, XIV, XIX, XL, XC; Marco così: IIII, VIIII, XIIII, XVIIII, CCCC, DCCCC.
Diodoro, dopo che dettò i numeri e i discepoli li ebbero scritti, prende la tavoletta di ciascun alunno in mano e osserva ciò che è stato scritto. Nessun discepolo ha scritto tutti i numeri correttamente, ma il maestro vede che Sesto e Tito hanno scritto correttamente quattro numeri. “Voi, Sisto e Tito” disse “avete scritto correttamente quattro numeri.”
Sesto: “Abbiamo scritto così come ci hai insegnato a scrivere i numeri.”
Diodoro: “In verità, non ti ho insegnato a scrivere CD e CM, o Sesto, ma di rado C è posto dinanzi a D e M, “quattrocento” e “novecento” sono scritti più correttamente CCCC e DCCCC.”
Marco: “Io ho scritto così!” Marco dice “di aver scritto così.”
Maestro: “Tu hai scritto correttamente C quattro volte in questi numeri, ma hai scritto anche quattro volte I nei numeri “quattro”, “nove”, “quattordici”, “diciannove”: IIII, VIIII, XIIII, XVIIII. Non ti ho insegnato questo! So che gli antichi Romani scrivevano tante volte I, ma oggi la cifra I è posta prima di V e X: “quattro” si scrive IV, “nove” IX, “quattordici” XIV, “diciannove” XIX; questi numeri sono stati scritti correttamente da Sisto e Tito.” Il maestro dice “che questi numeri sono stati scritti correttamente da Sisto e Tito.”
Allora il maestro si rivolge a Tito che ha scritto XL e XC e dice: “Ma, perché tu hai scritto XL e XC? Queste cifre significano “quaranta” e “novanta”, non “quattrocento” e “novecento”, come io vi ho dettato.”
Tito: “Io ho sentito dire “quaranta” e “novanta.”
Maestro: “Hai sentito male! O hai le orecchie malate? Ho detto certamente “quattrocento” e “novecento”. Voi mi avete sentito dire così, Marco e Sesto?”
Sesto: “Certamente noi ti abbiamo sentito dire così. Abbiamo scritto quei numeri che ci hai dettato.” Sesto e Marco hanno sentito bene il maestro dettare i numeri “quattrocento” e “novecento”, Tito ha sentito male.
Marco: “Ma io sono l’unico dei tre alunni che ho scritto correttamente quei numeri! Perché non mi hai lodato, maestro?”
Maestro: “Non ti ho lodato perché hai scritto male gli altri quattro numeri.”
Marco: “Io ho scritto come scrivevano gli antichi Romani. Tu forse pensi che gli antichi Romani scrivessero male?”

Risposta perFabellae Latinae, Magister numeros dictat.