TraduzioniCategoria: LatinoSvetonio -De vita Caesarum – Claudius – XIV
Valentina ha chiesto 2 anni fa

Consulatus super pristinum quattuor gessit; ex quibus duos primos iunctim, seqventis per interuallum quarto quemque anno, semenstrem novissimum, bimenstris ceteros, tertium autem novo circa principem exemplo in locum demortui suffectus. Ius et consul et extra honorem laboriosissime dixit, etiam suis suorumque diebus sollemnibus, nonnumquam festis quoque antiquitus et religiosis. Nec semper praescripta legum secutus duritiam lenitatemue multarum ex bono et aequo, perinde ut adficeretur, moderatus est; nam et iis, qui apud privatos iudices plus petendo formula excidissent, restituit actiones et in maiore fraude convictos legitimam poenam supergressus ad bestias condemnavit.

Svetonio -De vita Caesarum – Claudius – XIV
1 Risposte
Rina ha risposto 2 anni fa

Dopo il primo, ricoprì il consolato per quattro volte, i primi due di seguito, i seguenti dopo un intervallo ciascuno di quattro anni; l’ultimo (durò) sei mesi, gli altri due mesi, nel terzo, circostanza nuova per un principe, si sostituì al posto di un (console) morto. Amministrò la giustizia con sommo zelo sia come console che al di là di quella carica, anche nei giorni solenni per lui o per i suoi e talvolta anche in giorni festivi e sacri fin dai tempi antichi. Non sempre rispettò le prescrizioni delle leggi, di molte ne moderò la durezza o la mitezza con buon senso ed equità, soprattutto quando era ispirato. Infatti, riaprì i processi a quelli che avevano perso la causa per aver chiesto troppo ai giudici ordinari, e condannò alle belve quelli colpevoli in frodi maggiori, superando la legittima pena. 

Risposta perSvetonio -De vita Caesarum – Claudius – XIV