TraduzioniCategoria: LatinoAgostino – Confessiones – Liber VIII – XII.I
Rina ha chiesto 3 anni fa

Ubi vero a fundo arcano alta consideratio traxit et congessit totam miseriam meam in conspectu cordis mei, oborta est procella ingens ferens ingentem imbrem lacrimarum. Et ut totum effunderem cum vocibus suis, surrexi ab Alypio (solitudo mihi ad negotium flendi aptior suggerebatur) et secessi remotius quam ut posset mihi onerosa esse etiam eius praesentia. Sic tunc eram, et ille sensit: nescio quid enim, puto, dixeram in quo apparebat sonus vocis meae iam fletu gravidus, et sic surrexeram. Mansit ergo ille ubi sedebamus nimie stupens. Ego sub quadam fici arbore stravi me nescio quomodo, et dimisi habenas lacrimis, et proruperunt flumina oculorum meorum, acceptabile sacrificium tuum, et non quidem his verbis, sed in hac sententia multa dixi tibi: et tu, domine, usquequo? Usquequo, domine, irasceris in finem? Ne memor fueris iniquitatum nostrarum antiquarum. Sentiebam enim eis me teneri. Iactabam voces miserabiles: quamdiu, quamdiu, cras et cras? Quare non modo? Quare non hac hora finis turpitudinis meae?

Agostino – Confessiones – Liber VIII – XII.I
1 Risposte
Rina ha risposto 3 anni fa

Quando dunque dall’arcano fondo l’alta considerazione trasse e ammassò tutta la mia miseria al cospetto del mio cuore, scoppiò una tempesta ingente, portando un’ingente pioggia di lacrime. E per disperderla tutta con i suoi strepiti, mi alzai e mi allontanai da Alipio – la solitudine mi sembrava più conveniente dell’incombenza del pianto – il più possibile in modo che la sua presenza non potesse essere ancora per me gravosa. Ero così allora ed egli se ne accorse: perchè, penso, avevo detto non so che cosa, in cui il suono della mia voce appariva ormai gravido di pianto, e così mi alzai. Egli dunque rimase dove eravamo seduti, oltremodo stupefatto. Io, non so come, mi sdraiai sotto una pianta di fico e tolsi i freni alle lacrime, e proruppero i fiumi dei miei occhi, tuo gradito sacrificio, e non certamente con queste parole, ma in questo senso ti parlai a lungo: “E tu, Signore, fino a quando? Fino a quando, o Signore, sarai irritato fino alla fine? Dimenticherai le nostre antiche iniquità”. Ne sentivo ancora di essere trattenuto. Lanciavo grida miserabili: “Per quanto tempo, per quanto tempo, domani e domani? Perchè non subito? Perchè non in quest’ora la fine della mia vergogna?”

Risposta perAgostino – Confessiones – Liber VIII – XII.I